Miglioramento della sicurezza alimentare e nutrizionale  
 

IMG 20180809_143319_r500

Progetto

BF4  Progetto di miglioramento della sicurezza alimentare e nutrizionale di 500 famiglie vulnerabili nei comuni di Ziniaré e Zitenga -regione del Plateau Central - Burkina Faso 

Il progetto origina dalle istanze avanzate dai leader tradizionali, rappresentanti delle associazioni di coltivatori, agenti comunitari, associazioni di donne, costantemente minacciati dall'insicurezza alimentare e dall'incapacità di fornire un'alimentazione sufficientemente equilibrata ai propri figli.

Beneficiari diretti/indiretti

2.500 bambini affetti da malnutrizione 
300 donne sole o vulnerabili
200 piccoli produttori agricoli 
beneficiari di attività generatrici di reddito
popolazione della Regione del Plateau Central circa
310mila abitanti

Budget 

126.421,40 euro

Località d'intervento

BURKINA FASO
Provincia dell'Oubritenga
Località: comuni di Ziniaré e Zitenga

Area d'intervento

Sicurezza alimentare, promozione del ruolo produttivo della donna in contesto rurale  

Durata

18 mesi a partire da marzo 2019

Obiettivi

Obiettivo generale

Aumentare la resilienza della popolazione vulnerabile all'insicurezza alimentare e nutrizionale nei comuni di Ziniaré e Zitenga, nella provincia dell'Oubritenga.

Obiettivo specifico

Migliorare l'accesso alle risorse alimentari attraverso il supporto tecnico, organizzativo e materiale di 500 produttori locali

Azioni previste


Realizzazione di baseline e formazione tecnica

La prima fase di progetto è caratterizzata dall'identificazione e caratterizzazione dei nuclei familiari coinvolti. I beneficiari sono selezionati sulla base di criteri prestabiliti e uno studio specifico per definire la situazione di partenza viene effettuato. Infine i 500 partecipanti al progetto seguono una formazione tecnica in relazione alla attività da svolgere.

Realizzazione di cordoni pietrosi, coltura Zai e Mezzaluna  

Il progetto privilegia le tecniche agricole tradizionali, migliorandone le performance attraverso la formazione tecnica e la distribuzione di sementi migliorate. In particolare, la tecnica dei cordoni pietrosi consiste nell'allineamento, semi-permeabile, di pietre disposte secondo le curve di livello degli appezzamenti da coltivare mentre la tecnica Zai, tipica del nord del Burkina, ma perfettamente applicabile anche ad altre zone del paese, particolarmente adatta per le colture cerearicole più diffuse quali miglio, mais e sorgho, si adatta ad essere utilizzata quando si hanno a disposizione sementi migliorate che necessitano di maggior nutrimento. Infine la Mezzaluna che consiste nello scavare buche a forma di semicerchio per favorire l'infiltrazione dell'acqua e aumentare le riserve idriche del suolo.

Coltivazione di ortaggi

Durante la stagione secca, quando non è possibile coltivare su appezzamenti estensivi  a causa della mancanza di acqua, viene incentivata la coltivazione di ortaggi su terreni più piccoli grazie anche alla realizzazione di pozzi, muniti di pompe. Si coltivano una vasta gamma di ortaggi (cavoli, zucchine, melanzane, pomodori, carote, gombo, etc.)

Emissioni radiofoniche - Cambio dei comportamenti 

Al fine di sensibilizzare il più ampio numero di persone e promuovere cambiamenti comportamentali rispetto alle buone prassi alimentari e nutrizionali, si realizzano emissioni radiofoniche su queste tematiche. L'attiivtà si avvale della collaborazione  della radio comunitaria, gestita dal partner di progetto. I programmi tematici sono 5 e riguardano in particolare l'alimentazione durante i primi 1000 giorni di vita del bambino. 

Visite domiciliari

                                                                                                                                                      Le visite a domicilio sono intese all'osservazione delle prassi correnti delle mamme e all'apporto di consigli pratici alle donne tramite dimostrazioni culinarie, suggerimenti su allattamento esclusivo al seno, svezzamento graduale, alimentazione equilibrata, igiene della persona e domestica, etc.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   


Contesto

Il Burkina Faso è uno dei Paesi più poveri al mondo -come testimonia l'Indice di Sviluppo Umano in cui il Burkina si trova al 187° posto a livello mondiale su 189 Paesi considerati, collocandosi terzo tra i paesi meno sviluppati al mondo- con una prevalenza di popolazione che vive di agricoltura di sussistenza. A causa della sua posizione geografica saheliana, il paese è caratterizzato da condizioni ostili all'agricoltura ed è colpito da frequenti e cicliche crisi alimentari legate per lo più a choc climatici, principali cause della diffusa insicurezza alimentare.

Questa situazione si traduce in un alto tasso di malnutrizione, accesso limitato ai servizi di base, disoccupazione elevata, analfabetismo, condizioni igieniche precarie e ritardo nel processo di emancipazione delle donne.

Situazione alimentare e nutrizionale

In questo quadro i bambini risultano le vittime principali della denutrizione, prima causa di mortalità infantile, il cui tasso (decessi su 1000 nati vivi) è di 81,2/1000. Sulla base di una survey nazionale effettuata nel 2017 la proiezione di bambini al di sotto dei 5 anni a rischio malnutrizione nei prossimi anni è di 190.00 bambini affetti da malnutrizione nella forma severa e 365.000 circa in forma moderata.

Le cause della malnutrizione sono molteplici e multifunzionali: apporto nutrizionale inadeguato, pratiche alimentari non corrette, malattie infettive e parassitarie, (diarrea, malaria e morbillo), limitato accesso ai servizi sanitari, povertà, carenze igieniche quotidiane e scarso accesso all'acqua potabile.

Responsabile 

Responsabile locale: FWY ONG Fédération Wend Yam
Responsabile Istituzionale: Conseil régional du Plateau central, Conseil municipal de Ziniarè et Zitenga, Conseil du développement rural
Responsabile coordinamento: NutriAid International

Personale 

1 coordinatore progetti espatriato in loco, 1 coordinatore progetti locale, 1 responsabile, 1 contabile, 1 nutrizionista, 1 desk Italia

Finanziatori

Presidenza del Consiglio dei Ministri, quota dell'Otto per Mille dell'IRPEF a diretta gestione statale

Partner 

FWY ONG Fédération Wend Yam

Conseil régional du Plateau central, Conseil municipal de Ziniarè et Zitenga, Conseil du développement rural

 

Questo sito fa uso dei Cookie per il funzionamento della piattaforma e per le statistiche. Segui il link se desideri maggiori dettagli.

Prosegui se sei d'accordo