buttonattivatiinformati

IMG 0904 sicurezza alimentare_r

L'appoggio per sostenere la microimprenditorialità femminile e favorire l'accesso alimentare è un aspetto fondamentale per garantire la sicurezza alimentare delle famiglie a basso reddito, intesa come la possibilità di garantire in modo costante e generalizzato acqua ed alimenti per soddisfare il fabbisogno energetico di cui l'organismo necessita per la sopravvivenza e la vita.

Esiste una evidente correlazione diretta tra lo stato di salute dei bambini e il livello di reddito del nucleo familiare. Nelle famiglie in cui i genitori sono agricoltori o braccianti agricoli, il tasso di malnutrizione cronica per i bambini sale al 55%.

La povertà delle famiglie da cui provengono i bambini è la ragione determinante della loro malattia ed è causata da molti fattori, in particolare dalla mancanza di terreni agricoli e dalla fragilità del contesto familiare. I nuclei familiari più vulnerabili sono quelli in cui le donne sole sono capofamiglia.

La malnutrizione è molto difficile da curare, in particolare se si tratta di malnutrizione cronica.

Un bambino non è considerato fuori pericolo i 3 anni successivi alla riabilitazione nutrizionale.

NutriAid collabora con i Governi locali che portano avanti politiche di "Presa in carico Comunitaria della Malnutrizione infantile", che mirano a ridurre considerevolmente i livelli di povertà e, nello specifico, a fare in modo che tutta la popolazione possa avere accesso agli elementi di base necessari per fornire ai bambini al di sotto dei 5 anni un'alimentazione adeguata.

In particolare NutriAid identifica le famiglie più indigenti con bambini affetti da malnutrizione acuta e cronica e le inserisce in attività generatrici di reddito come agricoltura, allevamento, produzione ortofrutticola, apicoltura e piccolo commercio.

Queste producono effetti positivi e permettono un aumento della quantità di cibo disponibile che può essere consumato e venduto al mercato locale. In questo modo diventano uno strumento importante che assicura i diritti al cibo, all'istruzione e l'accesso ad un'adeguata assistenza medica per i bambini inseriti nei progetti e per tutti i membri della famiglie.

L'organizzazione delle famiglie in associazioni e cooperative contadine alle quali le famiglie versano parte dei ricavi provenienti dalle attività generatrici di reddito serve a garantire ai loro membri l'accesso al credito in caso di difficoltà e protegge le famiglie dalle ricadute nella povertà e nella malnutrizione. Parte integrante delle attività generatrici di reddito è la formazione sul risparmio all'interno delle cooperative in modo da garantire un modello di sviluppo sostenibile orientato alle necessità dei nuclei familiari in grado di favorire l'uscita dalla povertà e ridurre il loro grado di vulnerabilità.

In particolare le attività che garantiscono alle famiglie beneficiarie dei progetti NutriAid la prevenzione delle ricadute sono:

•    agricoltura

• allevamento

• apicoltura

• produzione ortofrutticola

• microjardins

• tintura delle stoffe

• piccolo commercio

• artigianato

Questo sito fa uso dei Cookie per il funzionamento della piattaforma e per le statistiche. Segui il link se desideri maggiori dettagli.

Prosegui se sei d'accordo