buttonattivatiinformati

News dall'Italia

Mediafriends 1 280

DAL 20 AL 26 OTTOBRE
SULLE RETI MEDIASET 

Grazie a Mediafriends, dal 20 al 26 Ottobre lo spot di NutriAid dedicato alla campagna "1000 Giorni Zero Fame", sarà trasmesso sulle reti Mediaset.

Anche quest'anno, in occasione della Giornata Mondiale dell'Alimentazione, celebrata il 16 Ottobre, è emersa la necessità di intervenire sulle carenze nutrizionali della mamma per garantire la salute del bambino. NutriAid concentra gli sforzi proprio dall'inizio della gravidanza al compimento del secondo anno di età del bambino (1000 giorni) per prevenire ogni forma di malnutrizione.

Fattori quali il surriscaldamento globale, i disastri climatici (desertificazione, siccità) e il continuo aumento della popolazione mondiale con conseguente aumento della domanda di cibo hanno causato un inversione di tendenza relativamente al problema "fame".

Infatti, mentre fino al 2015 il dato era in diminuzione, da 4 anni è in continuo aumento il numero di persone colpite dalla fame: oggi 1 persona su 9 nel mondo.

L'obiettivo "Fame Zero" risulta, quindi, sempre più complesso e, per raggiungerlo, serve l'aiuto di tutti.


Il TUO contributo è fondamentale.

DONA ORA 5 o 10 EURO

PER SOSTENERE LA CAMPAGNA "1000 GIORNI ZERO FAME"

c/c postale: 11 88 11 33

c/c bancario: IT 62 F 02008 01152 000101023478

o

SCRIVI IL MESSAGGIO "ZERO FAME" al n. 331 3107803

 

Per maggiori informazioni contatta NutriAid: 
e mail  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Tel. 011 4390017
SMS/WhatsApp: 331 3107803

GRAZIE!


DESTINA IL 5X1000 DELL’IRPEF A NUTRIAID

Noi lo utilizzeremo per aiutare i bambini a diventare grandi

16MD0323W 300

Nei modelli 730, CU e Unico, c'è una sezione dedicata alla destinazione del 5x1000, divisa in 6 parti. La prima in alto a sinistra è quella per il Sostegno del Volontariato e delle altre Organizzazioni non lucrative di utilità sociale.

Inserisci il codice fiscale di NutriAid 97567050014 e apponi la tua firma per sostenerla con il tuo 5x1000.

Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000.

5-PER-MILLE NutriAid_300

COSA FACCIAMO CON IL 5X1000

Nel 2018 NutriAid ha ricevuto € 30.715,78 grazie alle scelte di 535 persone (espresse nella dichiarazione dei redditi 2016). I fondi raccolti hanno contribuito alla realizzazione in vari Paesi degli interventi di:

  • Malnutrizione
  • Salute materno-infantile e riproduttiva
  • Sicurezza alimentare
  • Educazione e formazione
  • Emergenza

IMPORTANTE

Questa scelta si affianca all'8x1000, non la sostituisce: è uno strumento complementare. Si può quindi scegliere sia l'8x1000 che il 5x1000 contemporaneamente sulla stessa dichiarazione dei redditi.

Per maggiori informazioni sulla compilazione non esitare a contattarci al n. 011 4390017 o via e mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

Tour Io sono-2 250

Nella settimana del Salone del Libro 

ACQUISTA IL LIBRO 
IO SONO su Amazon

o presso la nostra SEDE NUTRIAID
Via delle Orfane, 2 a TORINO Tel. 011 4390017 

o presso BASKETMANIA
Via Chambery, 40 a TORINO Tel. 011 7740510

Non perdere il tour di Giorgia Sottana

DAL 28 APRILE ALL'18 MAGGIO

 

“IO SONO” Giorgia Sottana, Gabriele Bani

Scritto a quattro mani da Giorgia Sottana (giocatrice della Nazionale italiana Pallacanestro) e da Gabriele Bani, suo mental coach, “Io Sono” è un vero e proprio viaggio introspettivo non solo nella vita quotidiana e nel campo da basket di una campionessa da sempre ai vertici della pallacanestro nazionale e internazionale, ma anche nella metodologia di lavoro di un professionista del coaching - Gabriele - chiamato ad indicarle quella via di conoscenza e consapevolezza mirata a definire e compendiare i caratteri di Giorgia, professionista nello sport, Donna e Atleta di livello.

Testimonianza diretta e sincera del percorso di crescita sportiva e personale che Giorgia e Gabriele hanno scelto di compiere assieme, il libro in questione “obbliga” il lettore ad immedesimarsi nella protagonista, così da riuscire a guardarsi “dal di fuori”, ovvero da un privilegiato punto di osservazione che offre l'opportunità di esprimere una valutazione onesta e libera dai lacci delle emozioni.


Giorgia e Gabriele, con il ricavato dalla vendita di questo libro,

hanno deciso di contribuire alla costruzione di 

"NEAR ME: L'OSPEDALE DEI BAMBINI”.

 

per ogni copia Kindle su Amazon a 6,00 euro

3,78 euro saranno destinati all'ospedale

per ogni copia cartacea su Amazon a 10,61 euro 
4,68 euro saranno destinati all'ospedale

per ogni copia cartacea durante il Tour
o in sede o presso Basketmania a 10,61 euro
7,33 euro saranno destinati all'ospedale


IMG 20180906_144309_500

 

Seguici su

Facebook: @nutriaid.onlus

Instagram: @nutriaid

Twitter: @nutriaidonlus

 

Grazie di cuore!


NutriAid Zero Hunger Champion.jpg_r_150

CHIAMA O INVIA UN SMS AL 45585

DAL 28 APRILE ALL'11 MAGGIO


CON 2, 5 o 10 EURO 

PUOI ESSERE TU A SALVARE LA VITA

DI UNA MAMMA E DEL SUO BAMBINO

 

Ogni anno, nel mondo, muoiono più di 3 milioni di bambini sotto i 5 anni

a causa della fame

 

I primi 1.000 giorni di esistenza di qualunque essere umano, che vanno dal giorno del concepimento al 2° anno di vita, sono fondamentali per lo sviluppo psico-fisico: una donna malnutrita darà alla luce un figlio malnutrito e non avrà latte a sufficienza per sfamarlo.

Per questa ragione ti chiediamo di chiamare ADESSO da rete fissa o inviare un SMS al 45585

In questo modo diventerai anche tu uno #ZeroHungerChampion! e contribuirai a salvare la vita di centinaia di mamme e bambini malnutriti.

Molti testimonial di NutriAid, presenti nel mondo dello sport e dello spettacolo, lo hanno già fatto: promuovi anche tu la campagna #1000GiorniZeroFame e diventa uno #ZeroHungerChampion!

 

Cosa devi fare?

  • Scarica NutriAid_Zero Hunger Champion.jpg la coccarda di NutriAid
  • Realizza un video, una foto, una diretta o una storia
  • Pubblica sui social e invita i tuoi contatti a fare lo stesso!

 

L’importante è

  • scrivere il numero 45585,
  • usare gli hashtag ufficiali della campagna #1000GiorniZeroFame e #ZeroHungerChampion
  • taggare NutriAid

 

Facebook: @nutriaid.onlus

Instagram: @nutriaid

Twitter: @nutriaidonlus

 

Grazie di cuore!


NutriAid Zero Hunger Champion.jpg_r_150

CHIAMA O INVIA UN SMS AL 45585

DAL 31 MARZO AL 6 APRILE


CON 2, 5 o 10 EURO 

PUOI ESSERE TU A SALVARE LA VITA

DI UNA MAMMA E DEL SUO BAMBINO

 

Ogni anno, nel mondo, muoiono più di 3 milioni di bambini sotto i 5 anni

a causa della fame

 

I primi 1.000 giorni di esistenza di qualunque essere umano, che vanno dal giorno del concepimento al 2° anno di vita, sono fondamentali per lo sviluppo psico-fisico: una donna malnutrita darà alla luce un figlio malnutrito e non avrà latte a sufficienza per sfamarlo.

Per questa ragione ti chiediamo di chiamare ADESSO da rete fissa o inviare un SMS al 45585

In questo modo diventerai anche tu uno #ZeroHungerChampion! e contribuirai a salvare la vita di centinaia di mamme e bambini malnutriti.

Molti testimonial di NutriAid, presenti nel mondo dello sport e dello spettacolo, lo hanno già fatto: promuovi anche tu la campagna #1000GiorniZeroFame e diventa uno #ZeroHungerChampion!

 

Cosa devi fare?

  • Scarica NutriAid_Zero Hunger Champion.jpg la coccarda di NutriAid
  • Realizza un video, una foto, una diretta o una storia
  • Pubblica sui social e invita i tuoi contatti a fare lo stesso!

 

L’importante è

  • scrivere il numero 45585,
  • usare gli hashtag ufficiali della campagna #1000GiorniZeroFame e #ZeroHungerChampion
  • taggare NutriAid

 

Facebook: @nutriaid.onlus

Instagram: @nutriaid

Twitter: @nutriaidonlus

 

Grazie di cuore!


 Banner sito progetto FRAME -2 260

Frame, Voice, Report! è un progetto finanziato dall’Unione Europea per sensibilizzare i cittadini sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile lanciati dalle Nazioni Unite con l’Agenda 2030.

L'Agenda 2030 è un programma delle Nazioni Unite che promuove 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG – Sustainable Development Goals) per mettere fine alla povertà estrema, alla fame, all'ingiustizia e alle disuguaglianze. I governi di 193 paesi, tra cui l'Italia, si sono impegnati a raggiungere questi Obiettivi entro il 2030.

Il progetto "Butterfly Effect – Sensitive Dependencies" di NutriAid raccoglie la sfida del progetto europeo e si concentra su 3 Obiettivi:

  1. SDG 2 “Fame Zero”: Porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile
  2. SDG 12 “Consumo e produzioni responsabili”: Garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo
  3. SDG 13 “Lotta contro il cambiamento climatico”: Promuovere azioni a tutti i livelli, per combattere il cambiamento climatico

Perché questi temi ci riguardano?

Ogni azione che compiamo ha effetti non solo nel nostro quotidiano, ma anche a livello globale. L’idea che esistano interconnessioni tra le azioni a livello locale e le conseguenze a livello globale è chiamata “effetto farfalla”.

I cambiamenti climatici riguardano tutto il mondo ma colpiscono le popolazioni più vulnerabili e più povere. Adottando modelli di consumo sostenibili e responsabili, i Paesi Occidentali possono frenare questo processo.

Nell'ambito del progetto Butterfly Effect è stato realizzato un reportage in Senegal, per osservare e comprendere le problematiche locali causate dal cambiamento climatico e, in particolare, dal processo di desertificazione.

In tutta la regione nord del Senegal, nel cuore del Sahel, gli effetti dei cambiamenti climatici stanno modificando in modo consistente la vita degli agricoltori che devono affrontare contemporaneamente l’avanzare del deserto, le scarse piogge e l’aumento delle temperature.

L’agricoltura è il settore economico più importante in Senegal, ma i braccianti oggi sono stagionali, in pochi riescono a sopravvivere solamente con il lavoro sui campi e chi non può fuggire in cerca di opportunità migliori si impegna a trovare un'altra occupazione.

A sud del Senegal, lontano dalle zone del Sahel i problemi ambientali non cessano di causare problemi. In Casamance,la regione più a sud del paese ricca di vegetazione e di fauna, l’economia si sviluppa principalmente lungo il corso dell’omonimo fiume che si estende per 320 km. Le problematiche in questa regione sono notevoli, le scarse piogge e l’innalzamento del livello del mare hanno causato l’intrusione delle acque salate fino a 200 km nell’entroterra. il sale ha acidificato i terreni causando l’impossibilità di coltivare i campi vicini ai corsi d’acqua.

Ma è proprio in Casamance che alcuni ricercatori hanno scoperto le incredibili capacità di un cereale, capace di resistere alle condizioni climatiche più estreme: il fonio. Un cereale minuscolo, in grado di crescere in situazioni climatiche estreme, con poca acqua e senza l’uso di fertilizzanti.

Il fonio ha una rendita inferiore ad altri cereali, come il riso, il miglio o il mais, ma ha un valore nutritivo molto importante per le popolazioni locali.

Lo sviluppo della coltura del fonio potrebbe rappresentare una grossa opportunità di crescita e uno strumento per combattere la malnutrizione.

Se da un lato i produttori sono fiduciosi, dall’altro sono preoccupati per l’arrivo di investitori occidentali che potrebbero deturpare e snaturare la coltivazione del fonio impoverendo le economie locali, spostando i profitti nei paesi a nord del mondo, come è successo, ad esempio, con la quinoa.

Immergiti in Senegal!

Insieme al reportage è stato realizzato anche un video di esperienza immersiva (Virtual Reality), visionabile nella sede di NutriAid in Via delle Orfane 2 (Torino) con i nostri visori 360.

Per info scrivi a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. "> Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o chiama lo 011-4390017.

Il progetto “Butterfly Effect – Sensitive Dependencies” è finanziato attraverso il COP Consorzio Ong Piemontesi da Frame, Voice, Report! con il contributo dell’Unione Europea.


4 1_250

Celebra con NutriAid la Festa della Donna 
e condividi la storia di Emilia.

Indubbiamente la parte più arricchente del mio lavoro di cooperante è costituita dalle visite nei villaggi, dallo scambio e dagli incontri con i beneficiari, uomini e donne delle associazioni contadine, alle prese con gli effetti disastrosi dei cambiamenti climatici e dell’insicurezza alimentare.

Toccare con mano la loro vulnerabilità, l’enorme carico di lavoro nei campi, gli sforzi quotidiani per sfamare la famiglia ma anche il loro coinvolgimento nei progetti che stiamo portando avanti è senza dubbio la molla che spinge a credere nel mio lavoro, la motivazione ad agire nel migliore dei modi per contribuire al raggiungimento dei risultati: la trasformazione positiva della salute e della nutrizione infantile.”

Emilia, inizia a collaborare con NutriAid nel 2018, come Responsabile progetti in Burkina Faso.

Secondo i dati di Open Cooperazione del 2017, in Italia, 16.657 persone lavorano nel mondo della cooperazione e il 48% sono donne, di cui l’80% lavora all’estero. Negli ultimi decenni è stato introdotto un approccio di genere nel settore della cooperazione e la comunità internazionale si impegna a garantire piena partecipazione di donne e uomini alla definizione e alla realizzazione delle attività.

L’8 Marzo si celebra dal 1913: perché è così importante celebrarlo ancora oggi?

Semplicemente perché l’obiettivo fissato 106 anni fa, ossia piena uguaglianza di genere, non è ancora stato raggiunto. Il gap salariale è ancora presente in tutto il mondo e il numero di donne nella politica e nei vertici aziendali è ancora molto inferiore rispetto a quello degli uomini, così come esiste ancora un gap importante relativo all’accesso alla salute e all’istruzione. Secondo un report del 2017 del World Economic Forum, la parità di genere sarà completamente raggiunta in tutto il mondo nel 2186.

Per questo, oggi più che mai, è importante sensibilizzare il mondo sulle diseguaglianze di genere e celebrare il successo di donne che hanno superato tali barriere, come Emilia, dimostrando che non esistono “lavori per uomini” e “lavori per donne”.

La mia esperienza in Burkina Faso, come coordinatrice dei Progetti di NutriAid, è stata indubbiamente una delle più intense e significative della mia vita, sia dal punto di vista professionale che umano. “

Il Burkina Faso, il paese degli uomini integri, delle rivoluzioni sociali di Thomas Sankara ma anche un Paese che occupa il 183esimo posto (su 188) nell’Indice di Sviluppo Umano, un Paese dove il 21% dei bambini sotto i 5 anni soffre di malnutrizione acuta severa e il 43,7% della popolazione vive sotto la soglia di povertà (meno di 1,90$ al giorno).

I progetti di cui mi sono occupata, finalizzati al miglioramento della nutrizione e della salute infantile e materna nell’area periferica della capitale Ouagadougou e della regione del Plateau Central e i risultati raggiunti in termini di educazione nutrizionale rivolta alle madri, di formazione del personale sanitario sulla prevenzione e cura della malnutrizione infantile, hanno quotidianamente alimentato la mia motivazione ad occuparmi di progetti volti al benessere dei bambini, dando un senso al mio essere qui in Africa.

Ma il lavoro di una donna cooperante non è facile.

Spesso rischioso.

” Non sono mancati, in questi mesi, momenti difficili: vedere nei centri sanitari bambini malnutriti, alcuni dei quali quasi invisibili e la sofferenza negli occhi delle loro madri è stata una delle esperienze più intense e toccanti che rafforza l’importanza di realizzare interventi d’informazione, prevenzione e cura della malnutrizione, rivolti sia al personale sanitario che alle comunità di appartenenza. “


Sempre più numerosi a sostegno dei bambini!


P9650782 200In adeguamento alla legge annuale per il mercato e la concorrenza (Legge n. 124 del 4 agosto 2017) all’art.1 comma 125-129, che stabilisce per le Onlus che intrattengono rapporti economici con le pubbliche amministrazioni, l’obbligo di pubblicazione dei contributi pubblici ricevuti nell'anno precedente, entro il 28 febbraio di ogni anno, pubblichiamo di seguito il Quadro dei finanziamenti pubblici ricevuti da NutriAid International onlus nell’anno 2018.


pdfQuadro Finanziamenti_Pubblici_2018.pdf


 


appello chad 250

Attrezziamo i presidi sanitari di Baibokoum!  

Tra pochi giorni partirà la missione CHAD per la realizzazione del progetto “La Pajota della vita". 

Lo staff di NutriAid si recherà a Baibokoum, all’estremo sud del Paese, nella Regione del Logone Orientale per visitare i centri sanitari di Koumaò e di Oulì Bangalà ed incontrare personale sanitario e mamme e bambini che beneficiano dei servizi erogati nei due centri di salute.

Nei presidi sanitari mancano tante cose, non solo alimenti e integratori per i bambini malnutriti cronici ma anche presidi medici di base per cui spesso anche le patologie di facile risoluzione rischiano di divenire fatali.

Per questo motivo oggi abbiamo lanciato una RACCOLTA DI PRESIDI MEDICI, in particolare pediatrici, che si concluderà il 3 marzo p.v. e chiediamo il tuo aiuto per riempire gli scaffali!

Cosa puoi fare tu?


  1. Acquistare presidi e dispositivi medici, quali termometri, apparecchi per la pressione, bilance per bambini e per adulti, stetoscopi, aerosol con mascherina per bambini (tranne biberon, succhiotti, pannolini, omogeneizzati, vestiti) e portarli/spedirli alla sede di NutriAid in Via delle Orfane n. 2 -10122 TORINO
  2. Effettuare una donazione tramite c/c postale 11881133 oppure  c/c bancario IBAN IT 62 F 02008 01152 000101023478 indicando nella causale PRESIDI_CHAD
  3. Acquistare direttamente online gli oggetti inseriti nella lista Amazon che verranno recapitati direttamente nella nostra sede: 
  4. Lista presidi sanitari per i bambini di Baibokoum


Laddove manca tutto ogni cosa è un dono prezioso!

Da parte delle mamme e dei bambini di Baibokoum grazie per quello che vorrai donare!


Vuoi dare una mano ad attrezzare i centri sanitari? 

Invia la tua donazione tramite:

c/corrente postale n. 11 88 11 33 intestato a  NutriAid International onlus oppure

c/corrente bancario IT 62 F 02008 01152 000101023478

 

Segui la missione sul sito oppure su Facebook dal 3 marzo!

Vi terremo aggiornati!


 

Consigli utili
per una spesa
a "spreco zero"

info-spreco 300

 

1. PRIMA DI COMPRARE fai la lista della spesa

2. QUANDO PUOI SCEGLI PRODOTTI FRESCHI e di stagione

3. FAI ATTENZIONE ALL'ETICHETTA e CONTROLLA LA DATA DI SCADENZA

4. ATTENTO AGLI ACQUISTI IMPULSIVI di prodotti deperibili, non sempre ne hai bisogno

5. IN FRIGO METTI DAVANTI I CIBI CHE SCADONO PRIMA e in freezer gli altri

6. QUANDO CUCINI prepara solo quello che puoi consumare

7. NON BUTTARE AVANZI e SCARTI ALIMENTARI con cui potresti realizzare nuove ricette

8. SE ACQUISTI TROPPO CIBO condividilo con amici e vicini

9. AL RISTORANTE CHIEDI DI PORTARE VIA il cibo che avanzi

10. USA LA TECONOLOGIA per trovare app che ti aiutino a sprecare meno cibo

 

Fonte: Elaborazione Barilla Center for Food & Nutrition (BCFN)  da Segrè A. (2013) "Vivere a spreco zero. Un arivoluzione alla portata di tutti"

 


Questo sito fa uso dei Cookie per il funzionamento della piattaforma e per le statistiche. Segui il link se desideri maggiori dettagli.

Prosegui se sei d'accordo