buttonattivatiinformati

News

unnamed


Agisce per riparare il microbioma intestinale danneggiato

Farine di ceci, banane, farine di soia e arachidi alimenti speciali

Un nuovo tipo di cibo terapeutico, progettato specialmente per riparare il microbioma dell'intestino (cioè i microorganismi che ci vivono dentro) è più efficace rispetto alle terapie standard per migliorare la salute dei bambini malnutriti.

Lo dimostra una sperimentazione clinica, allo stadio iniziale, condotta in Bangladesh dall'università di Washington e il Centro di ricerca internazionale per le malattie diarroiche di Dacca, i cui dettagli sono pubblicati sulla rivista Science.

I ricercatori hanno cercato di potenziare in modo specifico la crescita dei microbi dell'intestino usando ingredienti presenti in cibi accessibili e culturalmente accettati nella regione.

"Il nostro lavoro corrobora l'idea che una crescita sana in bambini e neonati sia collegata ad uno sviluppo sano dei batteri dell'intestino dopo la nascita", commenta Jeffrey Gordon, coordinatore dello studio.

I bambini malnutriti "hanno le comunità di microrganismi intestinali non formate completamente rispetto ai bambini sani - continua - perciò abbiamo pensato di progettare dei cibi terapeutici per risolvere questa immaturità e vedere se così potesse ripartire una crescita sana". La sperimentazione è stata condotta su 63 bambini bangladesi di 12-18 mesi, con malnutrizione acuta moderata, suddivisi in 4 gruppi. A tre gruppi sono stati somministrati questi nuovi cibi, mentre al quarto quello standard. Il cibo terapeutico, che contiene un misto di ceci, soglia, banane e arachidi si è mostrato più efficace degli altri nel migliorare lo stato di salute dei bambini.

 la prima dimostrazione - conclude Gordon - che un cibo terapeutico, sviluppato specificamente per sostenere la crescita dei microrganismi intestinali collegati ad uno sviluppo sano del microbioma, abbia effetti benefici in molti altri aspetti di una crescita sana, cioè il metabolismo, le ossa, lo sviluppo cerebrale e immunitario".


Starving children often don’t recover, even when fed enough.

Restoring their gut bacteria could help
By Elizabeth PennisiJul. 11, 2019, 2:00 PM

Even after starving children get enough to eat again, they often fail to grow. Their brains don't develop properly, and they remain susceptible to diseases, even many years later. Two studies in Science this week now suggest fostering the right gut microbes may help these children recover. The work also pinpoints combinations of foods that nurture the beneficial microbes.

Most of the experiments were in animals, but a small group of malnourished children given those foods also showed signs of improvement. "This is an outstanding and extremely comprehensive study," says Honorine Ward, a microbiologist and global health expert at Tufts University School of Medicine in Boston. Tailoring food aid to foster the microbiome "could be a key to new strategies for improving global public health and human potential," adds David Relman, a microbiologist at Stanford University in Palo Alto, California.

Tahmeed Ahmed, director of nutrition research at the International Centre for Diarrhoeal Disease Research, Bangladesh, in Dhaka, has tried for 30 years to help malnourished children recover better. About a decade ago, he was intrigued by work by Jeffrey Gordon at Washington University in St. Louis, Missouri, linking certain gut microbes to obesity. The two scientists wondered whether the microbiome—the set of microbes living in and on the human body—might also play a role in obesity's opposite number, malnutrition.

Together, their teams reported in 2014 that the gut microbiome normally "matures" as an infant grows into a toddler. They also noticed that it remains immature in severely malnourished children, dominated by bacteria found in younger healthy children. Two years later, the researchers put mature and immature microbiomes from children into mice raised without microbes. Animals given the immature microbiomes put on less muscle, had weaker bones, and had impaired metabolisms, suggesting a mature microbiome might be needed for proper development.

To pinpoint which among the microbiome's hundreds of strains are linked to maturation, Arjun Raman, a postdoc in the Gordon lab, analyzed data from fecal samples that Ahmed's team had collected monthly from 50 healthy infants in Bangladesh as they grew. Raman identified 15 types of bacteria that increased and decreased in concert as the microbiome matured. He and the team saw the same pattern in healthy children from Peru and India and even in germ-free piglets given the bacteria and eating the same food as the Bangladeshi infants and children, they report in Science.

Fostering or suppressing those microbes could be key to helping children recover from malnutrition, the researchers thought. To test that idea, they needed a way to monitor recovery. Looking for a molecular signature of healthy growth, a graduate student in Gordon's lab, Jeanette Gehrig, and colleagues monitored more than 1000 proteins and metabolites, such as fatty and amino acids, for ones that change as healthy children grow and malnourished ones recover.

Gehrig and the rest of the team then tested the effects of various foods on mice and piglets whose microbiomes had been transplanted from malnourished infants. They hoped to find foods that could "encourage catchup growth in the microbiota," Gordon says. Milk powder and rice, standard components of food aid, did little to foster maturation, but chickpea, banana, and soy and peanut flours helped the microbiomes mature.

The researchers then fed mice and piglets supplements that combined all four foods and saw that the animals' microbiomes matured, and their growth improved. “This study points to the importance and utility of thoughtfully selected nutrients to support key members of a microbiota,” Relman says.

As a final proof of principle, Ahmed, Gordon, and their colleagues compared their supplements to standard recovery fare in about 60 malnourished Bangladeshi children for 1 month. That was too little time to assess long-term physical recovery, but long enough to see effects on the molecular signatures in the blood. Only the four-food combination sharply improved those signatures, they report in Science. It also improved the 15 bacteria Raman's team linked to maturation.

The results suggest a way to improve nutrition even in well-fed children, in whom a poor diet can lead to an increased risk of obesity, diabetes, and other diseases as adults. “If caregivers know the best foods to feed their children to support the development of their gut microbiota, we could potentially prevent undernutrition and immature microbiota to begin with,” Gehrig says.

Relman and others are more cautious, particularly because it's not clear the mature microbiomes will persist in malnourished infants who ate the supplements. Chris Damman, a senior program officer at the Bill & Melinda Gates Foundation in Seattle, Washington, which funded the work, says, “I wouldn't say this is ‘the future’ or ‘the cure-all.’ But it's certainly an exciting lead and one that we think has promise.”

Back in Bangladesh, Ahmed is coordinating an effort to provide the microbe-boosting diet and others to a larger group of malnourished children. The team will follow the children for 3 months, long enough to see whether the beneficial effects translate into healthy development. He's hopeful, he says, that “this can be a game-changer in the treatment of malnutrition.”

Posted in: Health

DSC 8963.JPG bimba in giallo_270

Raggiungimento degli SDGs

troppi obiettivi ancora lontani dal traguardo


19 Giugno 2019

Il segretariato delle Nazioni Unite António Guterres ha rilasciato alcuni giorni fa l’anteprima del rapporto annuale che descrive i progressi compiuti dal mondo in relazione ai 17 obiettivi dell’Agenda 2030. Si tratta del documento Special Edition: Progress to the SDGs: Report of the Secretary-General, e i suoi contenuti saranno discussi a metà luglio a New York durante l’High-level Political Forum (Hlpf), l’incontro quadriennale che valuta l’attuazione dell’Agenda 2030, e analizza la distanza tra la situazione reale e i 169 Target che compongono i 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile

Il rapporto fa ben sperare sul raggiungimento del Goal 3 (salute e benessere), dove i tassi di mortalità infantile continuano a diminuire mentre vengono fatti progressi su determinate malattie (come la cura all’epatite), e del Goal 7 (energia pulita e accessibile) sul quale si registrano passi avanti significativi, anche per le misure di efficienza energetica che ampliano il proprio campo d’applicazione. Qualcosa si muove anche sul Goal 8 (buona occupazione e crescita economica), grazie alla diminuzione dei tassi di disoccupazione (tornati ai livelli di precrisi finanziaria) diminuisce anche la popolazione urbana che vive in zone malsane, un buon dato per la realizzazione del Goal 11 (città e comunità sostenibili). 

Molto più preoccupante è la situazione sul Goal 1 (sconfiggere la povertà) e Goal 2 (sconfiggere la fame): i poveri estremi sono in diminuzione, ma si prevede che il tasso di povertà estrema (quello di chi guadagna meno di 1,90 dollari al giorno) nel 2030 sarà pari al 6%, mancando dunque l’Obiettivo della totale eliminazione.

Inoltre, per il terzo anno consecutivo crescono le persone che patiscono la fame e sono ancora milioni i bambini denutriti sul Pianeta.

Il Goal 4 (istruzione di qualità) è ancora lontano dall’essere raggiunto, basti pensare che nel 2017 più di 260 milioni di bambini e giovani non andavano a scuola. Parlando del Goal 6 (acqua pulita e servizi igienico-sanitari), sono circa un miliardo le persone che vivono in zone dove c’è carenza di acqua e dove le strutture non garantiscono servizi igienico sanitari adeguati.

Dati poco confortanti anche sul cambiamento climatico, a dispetto delle dichiarazioni dei Governi di tutto il mondo e delle mobilitazioni di giovani e cittadini, crescono ancora le emissioni di gas serra. Un dato che mina il raggiungimento del Goal 13 (lotta contro il cambiamento climatico), in cui è inserito proprio l’obiettivo stabilito a Parigi (limitare l’aumento della temperatura media globale entro i 2 gradi centigradi, rispetto ai livelli del 1880).

(fonte Asvis)

 

IMG 20180808_173539_1_300

 

3 giugno 2019 Sembra incredibile che nel 2019 si possa morire ancora di parto. E invece succede: ogni giorno più di 800 donne muoiono ancora per complicazioni legate alla gravidanza. Questo dato drammatico emerge dal rapporto Unicef sulla salute materna, secondo il quale i costi delle cure prenatali e dei servizi per il parto, dissuadono le donne incinte dal cercare cure mediche, mettendo in pericolo la vita delle madri e dei loro bambini. Un fenomeno strettamente connesso con la povertà, ovviamente, che interessa in particolare modo, Africa, Asia, America Latina e Caraibi.

In questi Paesi, il parto è la prima causa di morte per le ragazze tra i 15 e i 19 anni. A ciò si devono aggiungere i 7000 bambini che ogni giorno nascono morti, la metà dei quali erano vivi all’inizio del travaglio e altri 7000 che muoiono nei primi mesi di vita. La realtà è dura per le donne più povere, ovviamente. In tutta l’Asia meridionale, il triplo delle donne ricche effettua quattro o più visite di assistenza prenatale rispetto alle donne provenienti da famiglie più povere. Quando si tratta di donne che partoriscono in una struttura, il divario tra poveri e ricchi è più del doppio in Africa Occidentale e centrale.

«Per troppe famiglie i costi del parto – dichiara Henrietta Fore, direttore generale dell’Unicef –possono essere catastrofici. Se una famiglia non può permettersi questi costi, le conseguenze possono essere fatali». Secondo i dati, infatti, più di 5 milioni di famiglie in Africa, Asia, America Latina e Caraibi impiegano ogni anno oltre il 40% delle loro spese domestiche non alimentari in servizi sanitari per la maternità.

La copertura sanitaria

Medici, infermieri e ostetriche svolgono un ruolo fondamentale nel salvare le madri, il problema è che sono troppo pochi e ogni anno milioni di nascite avvengono senza un assistente specializzato. Peraltro, sempre secondo il Rapporto, dal 2010 al 2017 la copertura del personale sanitario è sì aumentata in molti paesi, ma è stato minimo nei Paesi già poveri, dove i livelli di normalità materna e neonatale sono stati i più alti.

Ad esempio, dal 2010 al 2017 la copertura è passata da 4 a 5 operatori sanitari per 10mila persone in Mozambico e da 3 a 9 in Etiopia. Per avere un paragone, in Norvegia tale numero è passato da 213 a 228 operatori sanitari per 10mila persone nello stesso periodo. 

«Non riusciamo a fornire – dice Fore – un’assistenza di qualità alle madri più povere e vulnerabili. Troppe madri continuano a soffrire all’infinito, specialmente durante il parto. Possiamo fermare questa sofferenza e salvare milioni di vite con un paio di mani sicure, strutture funzionali e una migliore qualità delle cure prima, durante e dopo la gravidanza».

Il focus su giovani madri e spose bambine

I dati poi sulle giovani madri sono allarmanti: «A livello globale, le complicazioni legate alla gravidanza sono la prima causa di morte tra le ragazze tra i 15 e i 19 anni di età – si legge –. Questo perché le ragazze adolescenti si stanno ancora sviluppando e sono a grande rischio di complicazioni se restano incinte». 

Per quanto riguarda, invece, il drammatico fenomeno delle spose bambine, «hanno meno probabilità di ricevere cure mediche adeguate durante la gravidanza o di partorire in una struttura sanitaria, rispetto alle donne sposate da adulte. In genere, le spose bambine finiscono per avere molti figli di cui prendersi cura, spesso più delle donne che si sposano da adulte. 

In Camerun, Ciad e Gambia, oltre il 60% delle ragazze dai 20 ai 24 anni che si sono sposate prima dei 15 anni ha avuto tre o più figli, rispetto a meno del 10% delle donne della stessa età che si sono sposate da adulte».

16MD0323W 300

DESTINA IL 5X1000 DELL’IRPEF A NUTRIAID

Noi lo utilizzeremo per aiutare i bambini a diventare grandi

Nei modelli 730, CU e Unico, c'è una sezione dedicata alla destinazione del 5x1000, divisa in 6 parti. La prima in alto a sinistra è quella per il Sostegno del Volontariato e delle altre Organizzazioni non lucrative di utilità sociale.

Inserisci il codice fiscale di NutriAid 97567050014 e apponi la tua firma per sostenerla con il tuo 5x1000.

Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall'ente erogatore della pensione, può destinare il 5x1000.

5-PER-MILLE NutriAid_300

COSA FACCIAMO CON IL 5X1000

Nel 2018 NutriAid ha ricevuto € 30.715,78 grazie alle scelte di 535 persone (espresse nella dichiarazione dei redditi 2016). I fondi raccolti hanno contribuito alla realizzazione in vari Paesi degli interventi di:

  • Malnutrizione
  • Salute materno-infantile e riproduttiva
  • Sicurezza alimentare
  • Educazione e formazione
  • Emergenza

IMPORTANTE

Questa scelta si affianca all'8x1000, non la sostituisce: è uno strumento complementare. Si può quindi scegliere sia l'8x1000 che il 5x1000 contemporaneamente sulla stessa dichiarazione dei redditi.

Per maggiori informazioni sulla compilazione non esitare a contattarci al n. 011 4390017 o via e mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

Tour Io sono-2 250

Nella settimana del Salone del Libro 

ACQUISTA IL LIBRO 
IO SONO su Amazon

o presso la nostra SEDE NUTRIAID
Via delle Orfane, 2 a TORINO Tel. 011 4390017 

o presso BASKETMANIA
Via Chambery, 40 a TORINO Tel. 011 7740510

Non perdere il tour di Giorgia Sottana

DAL 28 APRILE ALL'18 MAGGIO

 

“IO SONO” Giorgia Sottana, Gabriele Bani

Scritto a quattro mani da Giorgia Sottana (giocatrice della Nazionale italiana Pallacanestro) e da Gabriele Bani, suo mental coach, “Io Sono” è un vero e proprio viaggio introspettivo non solo nella vita quotidiana e nel campo da basket di una campionessa da sempre ai vertici della pallacanestro nazionale e internazionale, ma anche nella metodologia di lavoro di un professionista del coaching - Gabriele - chiamato ad indicarle quella via di conoscenza e consapevolezza mirata a definire e compendiare i caratteri di Giorgia, professionista nello sport, Donna e Atleta di livello.

Testimonianza diretta e sincera del percorso di crescita sportiva e personale che Giorgia e Gabriele hanno scelto di compiere assieme, il libro in questione “obbliga” il lettore ad immedesimarsi nella protagonista, così da riuscire a guardarsi “dal di fuori”, ovvero da un privilegiato punto di osservazione che offre l'opportunità di esprimere una valutazione onesta e libera dai lacci delle emozioni.


Giorgia e Gabriele, con il ricavato dalla vendita di questo libro,

hanno deciso di contribuire alla costruzione di 

"NEAR ME: L'OSPEDALE DEI BAMBINI”.

 

per ogni copia Kindle su Amazon a 6,00 euro

3,78 euro saranno destinati all'ospedale

per ogni copia cartacea su Amazon a 10,61 euro 
4,68 euro saranno destinati all'ospedale

per ogni copia cartacea durante il Tour
o in sede o presso Basketmania a 10,61 euro
7,33 euro saranno destinati all'ospedale


IMG 20180906_144309_500

 

Seguici su

Facebook: @nutriaid.onlus

Instagram: @nutriaid

Twitter: @nutriaidonlus

 

Grazie di cuore!


NutriAid Zero Hunger Champion.jpg_r_150

CHIAMA O INVIA UN SMS AL 45585

DAL 28 APRILE ALL'11 MAGGIO


CON 2, 5 o 10 EURO 

PUOI ESSERE TU A SALVARE LA VITA

DI UNA MAMMA E DEL SUO BAMBINO

 

Ogni anno, nel mondo, muoiono più di 3 milioni di bambini sotto i 5 anni

a causa della fame

 

I primi 1.000 giorni di esistenza di qualunque essere umano, che vanno dal giorno del concepimento al 2° anno di vita, sono fondamentali per lo sviluppo psico-fisico: una donna malnutrita darà alla luce un figlio malnutrito e non avrà latte a sufficienza per sfamarlo.

Per questa ragione ti chiediamo di chiamare ADESSO da rete fissa o inviare un SMS al 45585

In questo modo diventerai anche tu uno #ZeroHungerChampion! e contribuirai a salvare la vita di centinaia di mamme e bambini malnutriti.

Molti testimonial di NutriAid, presenti nel mondo dello sport e dello spettacolo, lo hanno già fatto: promuovi anche tu la campagna #1000GiorniZeroFame e diventa uno #ZeroHungerChampion!

 

Cosa devi fare?

  • Scarica NutriAid_Zero Hunger Champion.jpg la coccarda di NutriAid
  • Realizza un video, una foto, una diretta o una storia
  • Pubblica sui social e invita i tuoi contatti a fare lo stesso!

 

L’importante è

  • scrivere il numero 45585,
  • usare gli hashtag ufficiali della campagna #1000GiorniZeroFame e #ZeroHungerChampion
  • taggare NutriAid

 

Facebook: @nutriaid.onlus

Instagram: @nutriaid

Twitter: @nutriaidonlus

 

Grazie di cuore!


NutriAid Zero Hunger Champion.jpg_r_150

CHIAMA O INVIA UN SMS AL 45585

DAL 31 MARZO AL 6 APRILE


CON 2, 5 o 10 EURO 

PUOI ESSERE TU A SALVARE LA VITA

DI UNA MAMMA E DEL SUO BAMBINO

 

Ogni anno, nel mondo, muoiono più di 3 milioni di bambini sotto i 5 anni

a causa della fame

 

I primi 1.000 giorni di esistenza di qualunque essere umano, che vanno dal giorno del concepimento al 2° anno di vita, sono fondamentali per lo sviluppo psico-fisico: una donna malnutrita darà alla luce un figlio malnutrito e non avrà latte a sufficienza per sfamarlo.

Per questa ragione ti chiediamo di chiamare ADESSO da rete fissa o inviare un SMS al 45585

In questo modo diventerai anche tu uno #ZeroHungerChampion! e contribuirai a salvare la vita di centinaia di mamme e bambini malnutriti.

Molti testimonial di NutriAid, presenti nel mondo dello sport e dello spettacolo, lo hanno già fatto: promuovi anche tu la campagna #1000GiorniZeroFame e diventa uno #ZeroHungerChampion!

 

Cosa devi fare?

  • Scarica NutriAid_Zero Hunger Champion.jpg la coccarda di NutriAid
  • Realizza un video, una foto, una diretta o una storia
  • Pubblica sui social e invita i tuoi contatti a fare lo stesso!

 

L’importante è

  • scrivere il numero 45585,
  • usare gli hashtag ufficiali della campagna #1000GiorniZeroFame e #ZeroHungerChampion
  • taggare NutriAid

 

Facebook: @nutriaid.onlus

Instagram: @nutriaid

Twitter: @nutriaidonlus

 

Grazie di cuore!


Programme Atelier  25 mars Malika_page-0001.jpg_200

 

Si conclude a Malika il progetto
"Percorsi creativi e futuri innovativi per giovani senegalesi e ivoriani"
finanziato dal Ministero degli Interni con capofila la Regione Piemonte

NutriAid porta a compimento il progetto di Telemedicina e servizi hi-tech:
arrivano in Senegal le start up dei giovani innovatori

 

NutriAid International porta a casa risultati avveniristici per i giovani senegalesi.

Grazie al finanziamento del Ministero dell’Interno per il progetto “Percorsi creativi e futuri innovativi per i giovani senegalesi e ivoriani”, con capofila la Regione Piemonte, più di 20 ragazzi che vivono nell’area di Dakar, hanno iniziato un percorso virtuoso capitalizzando non solo un’innovativa formazione in telemedicina, finalizzata a fornire una specializzazione in informatica sanitaria ma ponendo le basi per la costituzione di start up in ambito medico che non risultavano essere presenti sul territorio.

 

I ragazzi hanno infatti costituito due nuove società che attualmente forniscono servizi essenziali alle strutture sanitarie e ospedaliere: in particolare, la consultazione telematica, ove non è più necessaria la presenza fisica perché il paziente viene preso in carica a distanza e i dati sanitari possono essere trasmessi tramite strumenti informatici -smartphone, tablet, laptop...-, la raccolta di dati dei pazienti su database -cartelle cliniche elettroniche- che permettono di redigere dei dossier medicali informatizzati e sistematizzare le terapie, l’elaborazione di studi epidemiologici, ricerche e statistiche che forniscono le basi per l’adozione di misure di prevenzione a livello di popolazione -es. protocollo vaccinale-, la consegna a domicilio dei medicinali e i servizi di salute materno infantile.

L’e-Santé ha consentito a questi giovani di incrociare le esigenze della sanità pubblica senegalese con le nuove tecnologie messe a disposizione dall’informatica sanitaria.

In senso lato, non ci riferiamo solo all'evoluzione tecnologica, ma anche ad una mentalità, un modo di pensare, un’attitudine ed un impegno finalizzato al miglioramento dell'assistenza sanitaria a livello locale, regionale e nazionale che ora questi giovani potranno proporre in un Paese, quale il Senegal, in cui il Digital Device crea ancor oggi una condizione di svantaggio economico e culturale che favorisce le migrazioni verso i Paesi con economie più forti.

La telemedicina, proposta e realizzata da NutriAid, rappresenta dunque un requisito essenziale per lo sviluppo delle potenzialità di questi giovani finalizzato alla modernizzazione di un sistema produttivo e ad una nuova strategia per la generazione di reddito nella fascia giovanile.

jpgProgramme Atelier_ 25 mars Malika_page-0001.jpg

jpgProgramme Atelier_ 25 mars Malika_page-0002.jpg

jpgProgramme Atelier_ 25 mars Malika_page-0003.jpg



 

DSC 0095_water

 

Il tema delle Nazioni Unite in occasione del World Water Day 2019 è “Leaving no one behind”, coerente con uno dei punti fondamentali dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile: tutti devono trarre beneficio dal processo di sviluppo sostenibile.

In particolare, per quanto riguarda l’acqua, è stato fissato l’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile n. 6: “Garantire a tutti la disponibilità e la gestione sostenibile dell’acqua e delle strutture igienico-sanitarie”. Da qui il tema per quest’anno: “Non lasciare indietro nessuno”.

Oggi, nel mondo:

  • 2.1 miliardi di persone vivono senza acqua potabile a casa
  • 1 scuola elementare su 4 non ha servizi di acqua potabile
  • più di 700 bambini sotto i 5 anni muoiono ogni giorno a causa della diarrea provocata da acqua non potabile e dalla mancanza di adeguate strutture igienico-sanitarie
  • l’80% delle persone che utilizzano acqua non potabile vivono in aree rurali
  • in 8 famiglie su 10, le donne e le bambine hanno il compito di reperire e trasportare l’acqua
  • più di 800 donne muoiono ogni giorno per complicanze in gravidanza e durante il parto
  • circa 4 miliardi di persone, 2/3 della popolazione mondiale, affrontano periodi di scarsità d’acqua che durano almeno un mese all’anno
  • 700 milioni di persone potrebbero essere costrette a fuggire entro il 2030 a causa della scarsità di acqua
  • la popolazione più ricca generalmente riceve servizi “WASH” (WAter Sanitation Hygiene) di alto livello e spesso a basso costo, mentre la popolazione più povera paga un prezzo molto più alto per lo stesso servizio, a volte di minore qualità  

Lato mission di NutriAid, è chiaro che non è possibile lottare contro la malnutrizione infantile senza comprendere e affrontare le problematiche che la causano. Per tale motivo, parte dei nostri progetti sono focalizzati sulla fornitura di strutture igienico-sanitarie e sulla cosiddetta “safe water”.

Ad esempio:

  • in Burkina Faso, nei comuni di Ziniaré e Zitenga (Regione del Plateau Central) prevediamo la realizzazione di pozzi e cisterne per l’attività agricola della popolazione locale al fine di diminuire la vulnerabilità all’insicurezza alimentare e nutrizionale in un Paese costantemente minacciato dalla siccità e in cui l’agricoltura impegna più dell’80% della popolazione;
  • in Madagascar, nel villaggio di Antsoha (Distretto di Morondava) prevediamo la creazione di infrastrutture per l’approvvigionamento idrico e il miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie.

 

Vuoi supportare i nostri progetti? 

Invia la tua donazione tramite:

  • c/corrente postale n. 11 88 11 33intestato a NutriAid International onlus oppure
  • c/corrente bancario IT 62 F 02008 01152 000101023478

 

Banner sito progetto FRAME -2 260

 

Frame, Voice, Report! è un progetto finanziato dall’Unione Europea per sensibilizzare i cittadini sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile lanciati dalle Nazioni Unite con l’Agenda 2030.

L'Agenda 2030 è un programma delle Nazioni Unite che promuove 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG – Sustainable Development Goals) per mettere fine alla povertà estrema, alla fame, all'ingiustizia e alle disuguaglianze. I governi di 193 paesi, tra cui l'Italia, si sono impegnati a raggiungere questi Obiettivi entro il 2030.

Il progetto "Butterfly Effect – Sensitive Dependencies" di NutriAid raccoglie la sfida del progetto europeo e si concentra su 3 Obiettivi:

  1. SDG 2 “Fame Zero”: Porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile
  2. SDG 12 “Consumo e produzioni responsabili”: Garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo
  3. SDG 13 “Lotta contro il cambiamento climatico”: Promuovere azioni a tutti i livelli, per combattere il cambiamento climatico

Perché questi temi ci riguardano?

Ogni azione che compiamo ha effetti non solo nel nostro quotidiano, ma anche a livello globale. L’idea che esistano interconnessioni tra le azioni a livello locale e le conseguenze a livello globale è chiamata “effetto farfalla”.

I cambiamenti climatici riguardano tutto il mondo ma colpiscono le popolazioni più vulnerabili e più povere. Adottando modelli di consumo sostenibili e responsabili, i Paesi Occidentali possono frenare questo processo.

Nell'ambito del progetto Butterfly Effect è stato realizzato un reportage in Senegal, per osservare e comprendere le problematiche locali causate dal cambiamento climatico e, in particolare, dal processo di desertificazione.

In tutta la regione nord del Senegal, nel cuore del Sahel, gli effetti dei cambiamenti climatici stanno modificando in modo consistente la vita degli agricoltori che devono affrontare contemporaneamente l’avanzare del deserto, le scarse piogge e l’aumento delle temperature.

L’agricoltura è il settore economico più importante in Senegal, ma i braccianti oggi sono stagionali, in pochi riescono a sopravvivere solamente con il lavoro sui campi e chi non può fuggire in cerca di opportunità migliori si impegna a trovare un'altra occupazione.

A sud del Senegal, lontano dalle zone del Sahel i problemi ambientali non cessano di causare problemi. In Casamance,la regione più a sud del paese ricca di vegetazione e di fauna, l’economia si sviluppa principalmente lungo il corso dell’omonimo fiume che si estende per 320 km. Le problematiche in questa regione sono notevoli, le scarse piogge e l’innalzamento del livello del mare hanno causato l’intrusione delle acque salate fino a 200 km nell’entroterra. il sale ha acidificato i terreni causando l’impossibilità di coltivare i campi vicini ai corsi d’acqua.

Ma è proprio in Casamance che alcuni ricercatori hanno scoperto le incredibili capacità di un cereale, capace di resistere alle condizioni climatiche più estreme: il fonio. Un cereale minuscolo, in grado di crescere in situazioni climatiche estreme, con poca acqua e senza l’uso di fertilizzanti.

Il fonio ha una rendita inferiore ad altri cereali, come il riso, il miglio o il mais, ma ha un valore nutritivo molto importante per le popolazioni locali.

Lo sviluppo della coltura del fonio potrebbe rappresentare una grossa opportunità di crescita e uno strumento per combattere la malnutrizione.

Se da un lato i produttori sono fiduciosi, dall’altro sono preoccupati per l’arrivo di investitori occidentali che potrebbero deturpare e snaturare la coltivazione del fonio impoverendo le economie locali, spostando i profitti nei paesi a nord del mondo, come è successo, ad esempio, con la quinoa.

Immergiti in Senegal!

Insieme al reportage è stato realizzato anche un video di esperienza immersiva (Virtual Reality), visionabile nella sede di NutriAid in Via delle Orfane 2 (Torino) con i nostri visori 360.

Per info scrivi a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. "> Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o chiama lo 011-4390017.

Il progetto “Butterfly Effect – Sensitive Dependencies” è finanziato attraverso il COP Consorzio Ong Piemontesi da Frame, Voice, Report! con il contributo dell’Unione Europea.


4 1_250

Celebra con NutriAid la Festa della Donna 
e condividi la storia di Emilia.

Indubbiamente la parte più arricchente del mio lavoro di cooperante è costituita dalle visite nei villaggi, dallo scambio e dagli incontri con i beneficiari, uomini e donne delle associazioni contadine, alle prese con gli effetti disastrosi dei cambiamenti climatici e dell’insicurezza alimentare.

Toccare con mano la loro vulnerabilità, l’enorme carico di lavoro nei campi, gli sforzi quotidiani per sfamare la famiglia ma anche il loro coinvolgimento nei progetti che stiamo portando avanti è senza dubbio la molla che spinge a credere nel mio lavoro, la motivazione ad agire nel migliore dei modi per contribuire al raggiungimento dei risultati: la trasformazione positiva della salute e della nutrizione infantile.”

Emilia, inizia a collaborare con NutriAid nel 2018, come Responsabile progetti in Burkina Faso.

Secondo i dati di Open Cooperazione del 2017, in Italia, 16.657 persone lavorano nel mondo della cooperazione e il 48% sono donne, di cui l’80% lavora all’estero. Negli ultimi decenni è stato introdotto un approccio di genere nel settore della cooperazione e la comunità internazionale si impegna a garantire piena partecipazione di donne e uomini alla definizione e alla realizzazione delle attività.

L’8 Marzo si celebra dal 1913: perché è così importante celebrarlo ancora oggi?

Semplicemente perché l’obiettivo fissato 106 anni fa, ossia piena uguaglianza di genere, non è ancora stato raggiunto. Il gap salariale è ancora presente in tutto il mondo e il numero di donne nella politica e nei vertici aziendali è ancora molto inferiore rispetto a quello degli uomini, così come esiste ancora un gap importante relativo all’accesso alla salute e all’istruzione. Secondo un report del 2017 del World Economic Forum, la parità di genere sarà completamente raggiunta in tutto il mondo nel 2186.

Per questo, oggi più che mai, è importante sensibilizzare il mondo sulle diseguaglianze di genere e celebrare il successo di donne che hanno superato tali barriere, come Emilia, dimostrando che non esistono “lavori per uomini” e “lavori per donne”.

La mia esperienza in Burkina Faso, come coordinatrice dei Progetti di NutriAid, è stata indubbiamente una delle più intense e significative della mia vita, sia dal punto di vista professionale che umano. “

Il Burkina Faso, il paese degli uomini integri, delle rivoluzioni sociali di Thomas Sankara ma anche un Paese che occupa il 183esimo posto (su 188) nell’Indice di Sviluppo Umano, un Paese dove il 21% dei bambini sotto i 5 anni soffre di malnutrizione acuta severa e il 43,7% della popolazione vive sotto la soglia di povertà (meno di 1,90$ al giorno).

I progetti di cui mi sono occupata, finalizzati al miglioramento della nutrizione e della salute infantile e materna nell’area periferica della capitale Ouagadougou e della regione del Plateau Central e i risultati raggiunti in termini di educazione nutrizionale rivolta alle madri, di formazione del personale sanitario sulla prevenzione e cura della malnutrizione infantile, hanno quotidianamente alimentato la mia motivazione ad occuparmi di progetti volti al benessere dei bambini, dando un senso al mio essere qui in Africa.

Ma il lavoro di una donna cooperante non è facile.

Spesso rischioso.

” Non sono mancati, in questi mesi, momenti difficili: vedere nei centri sanitari bambini malnutriti, alcuni dei quali quasi invisibili e la sofferenza negli occhi delle loro madri è stata una delle esperienze più intense e toccanti che rafforza l’importanza di realizzare interventi d’informazione, prevenzione e cura della malnutrizione, rivolti sia al personale sanitario che alle comunità di appartenenza. “


Questo sito fa uso dei Cookie per il funzionamento della piattaforma e per le statistiche. Segui il link se desideri maggiori dettagli.

Prosegui se sei d'accordo